Chi Siamo

Servizi

Executive Reputation

Consulenza

Strumenti

News

Contatti

Rassegna Stampa?>

Rassegna Stampa

letture

“Web reputation e identità aziendale online: strumenti di tutela”: intervista a Andrea Barchiesi

Dott. Andrea Barchiesi, Lei ha curato con Stefano Previti e Flaviano Sanzari l’edizione del libro Web reputation e identità aziendale online: strumenti di tutela pubblicato da Giuffrè Francis Lefebvre: quale valore rivestono per l’azienda la reputazione e l’identità digitale?

“Come ripetiamo oramai da anni, l’identità digitale è il primo biglietto da visita di un’azienda. Per capire il significato di questa affermazione è però necessario prima definire cosa siano identità digitale e reputazione. Fondamentalmente hanno a che fare con la nostra percezione. L’identità o la reputazione di un brand non sono più date, solo, da ciò che il brand sceglie di fare o di comunicare, ma da come questa comunicazione viene percepita dai consumatori e dalle reazioni che questa percezione innesca, espresse liberamente in rete e fuori dal controllo dell’azienda. Il brand in rete ha una vita complessa e lunghissima, fatta contemporaneamente di passato, presente e futuro, che coesistono nello stesso istante, semplicemente grazie alla possibilità che ognuno di noi ha, attraverso i motori di ricerca, di reperire in pochi istanti qualsiasi tipo di informazione, anche se riguarda fatti molto datati. Prima di comprare un prodotto, scegliere un ristorante, incontrare una persona per la prima volta, il gesto più naturale è cercare online il suo nome e vedere come ne parlano gli altri. Questo è il biglietto da visita di cui parlavamo, la stretta di mano digitale che è inevitabile, incessante e condizionante. Proprio l’esito di quella verifica preliminare orienta le nostre decisioni, in modo positivo o negativo. Una crisi avvenuta dieci anni può, ancora oggi, condizionare la relazione del brand con il consumatore che ne viene a conoscenza ora attraverso il web”.

L’intervista completa su Letture.org

Letture.org intervista Andrea Barchiesi, Ceo di Reputation Manager