Chi Siamo

Servizi

Executive Reputation

Consulenza

Strumenti

News

Contatti

Reputation Manager

Notizie in pillole sul digitale

Ue, Garante privacy ‘indaga’ su TikTok e sul software di riconoscimento facciale usato dalla polizia

«Non cedete alle pressioni di Huawei». Il segretario di Stato americano Mike Pompeo è intervenuto sullo scontro tra Regno Unito e Cina. Agli Stati Uniti non piacciono le minacce cinesi ai britannici, secondo le quali la Cina sarebbe pronta a ritirare le proprie aziende impegnate nelle costruzioni di centrali nucleari e della rete ferroviaria ad alta velocità in territorio britannico.

Amazon e Goldman, intesa per erogare credito alle Pmi. Stando a Cnbc – scrive oggi il Sole 24 Ore – i proprietari di piccole imprese che utilizzano la piattaforma riceveranno inviti dalla banca retail di Goldman Sachs, che offrirà linee di credito fino a 1 milione di dollari. Amazon ha anche deciso di condividere i dati dei commercianti con Goldman che li utilizzerà, previo con senso degli interessati, per determinare a chi concedere e a chi non concedere le linee di credito.

Informazione di qualità pagata agli editori: la svolta di Facebook. Il social – scrive oggi il Corriere della Sera – rilancia con forza la sua presenza nel settore dell’informazione, avviando in tutti gli Stati Uniti il servizio News e allargandolo con le notizie locali. Un passo importando nel rapporto tra il social e gli editori: i media inseriti in Facebook News vengono pagati, non solo in percentuale di pubblicità o aumento del traffico, ma anche con contributi diretti.

L’Unione europea ‘indaga’ su TikTok. Il garante europeo della Privacy ha deciso di creare «una task force per coordinare potenziali azioni e acquisire maggiori informazioni sulle pratiche di TikTok». Faro dell’Antritrust anche su Clearview AI, software per il riconoscimento facciale usato dalle forze dell’ordine.

Allarme Ue: Italia colpita dalle fake news. «Attori stranieri e alcuni Paesi terzi, in particolare la Russia e la Cina ­ si legge nel documento dell’Ue­ si sono impegnati in operazioni di influenza mirate e campagne di disinformazione sul Covid­19 nell’Ue, nel suo vicinato e a livello globale, cercando di minare il dibattito democratico, di esacerbare la polarizzazione sociale e di migliorare la loro immagine». Per contrastare l’operazione, dall’inizio dell’emergenza, grazie alla collaborazione con le piattaforme, stati rimossi 3,4 milioni di account sospetti e 15.000 video Youtube, mentre 2 miliardi di utenti web sono stati indirizzati ai siti delle autorità sanitarie nazionali e internazionali.

Google e Wwf, deal per la moda green. Il colosso dell’informatica e l’associazione creeranno una piattaforma di dati ambientali che consentirà agli attori della moda di prendere decisioni più responsabili in materia di approvvigionamento.

Influencer marketing in calo del 46%. Questo è quanto emerge da un’analisi di Dmr che ha esaminato gli sponsored post pubblicati da febbraio a maggio su Instagram.