Chi Siamo

Servizi

Executive Reputation

Consulenza

Strumenti

News

Contatti

Reputation Manager?>

Notizie in pillole sul digitale

Twitter combatte le fake news sul Covid-19

Zoom cresce del 369% nel quarto trimestre. La piattaforma chiude l’esercizio fiscale con i ricavi che raggiungono quota 2,65 miliardi di dollari e prevede un’ulteriore crescita del 41% per il 2021.

Uber: potrebbe arrivare la revoca anticipata dell’amministrazione giudiziaria. La società era stata interessata da un decreto di commissariamento dopo alcune indagini sulle condizioni di lavoro dei fattorini, ma è già stata completata l’opera di ripristino della legalità. La Commissione Europea ha avviato la prima fase di consultazioni per migliorare le condizioni di lavoro di chi opera tramite piattaforma digitale, tra cui i ciclofattorini.

Google, 5 miliardi di euro per sviluppo green. Nei prossimi 5 anni sarà questo il contributo di Big G per finanziare progetti europei di nuova generazione per la riduzione di emissioni di carbonio e per realizzare infrastrutture green, incentivando anche comportamenti sostenibili come l’utilizzo di bike-sharing o segnalare su Google Maps le stazioni di rifornimento elettrico.

Aida Diouf Mbengue sbaraglia i pregiudizi sui social. La ragazza 19enne bergamasca crea contenuti divertenti, superando così ogni cliché. Non mancano i commenti offensivi sia da parte di italiani, sia da parte di utenti musulmani che non la riconoscono tale. Nasce in contemporanea la prima agenzia per Afro Influencer, fondata da Moustapha, 22 anni, il quale denuncia il fatto che nessun Afro abbia mai sfondato in Italia.

16 marzo: primo modello F24 per la Digital Service Tax. Per la prima volta, nonostante fosse stata introdotta a fine 2018, coloro che ricevono proventi da attività digitali, dovranno pagare la Web Tax in Italia.

Deepfake: le vittime principali sono persone comuni. Ormai utilizzata anche per il Revenge Porn, questa tecnologia riesce a creare dei contenuti falsi, con il viso di un utente qualsiasi. In questo caso, l’ultima vittima è la poetessa Helen Mort, la quale ha scoperto delle sue foto manomesse, fino a farle diventare sessualmente esplicite.

Twitter combatte le fake news sul Covid-19. Il social network segnalerà tutte le notizie fuorvianti e non veritiere sul virus e ammonirà gli utenti che le generano. Dopo tre segnalazioni il profilo verrà bloccato per 12 ore, alla quarta per sette giorni e alla quinta verrà chiuso definitivamente.