Chi Siamo

Servizi

Executive Reputation

Consulenza

Strumenti

News

Contatti

Reputation Manager?>

Notizie in pillole sul digitale

Su Telegram dosi di vaccino contraffatte a 155 euro

Su Telegram dosi di vaccino contraffatte a 155 euro. La guardia di finanza ha sequestrato due canali Telegram adibiti alla vendita illegale di vaccini anti­ Covid19. Attraverso il servizio di messaggistica istantanea alcuni personaggi proponevano illegalmente al pubblico dosi di vaccino di AstraZeneca, Pfizer­BioNTech e Moderna a prezzi esorbitanti: 155 euro per una presunta dose di vaccino e fino a 20mila euro per uno stock di 800 fiale con garanzia di anonimato, tracciabilità della spedizione, imballaggio a temperatura refrigerante controllata e persino richiamo incluso nell’offerta.

Un altro docente insulta Giorgia Meloni sui social. Lo denuncia lei stessa sui social, riportando le frasi del «cattivo maestro» Gabriele Di Luca, docente di italiano in una scuola di lingua tedesca che forma assistenti sociali a Bolzano: “Una di quelle turiste vomitate dai pullman che arrivano qui durante il mercatino”. “È possibile che nella scuola e nell’Università italiana ci siano tutti questi odiatori che, invece di occuparsi dell’educazione dei nostri figli, passano il tempo ad insultare me e chiunque faccia parte di Fdi?” scrive il leader di Fratelli D’Italia.

Microsoft svela alle aziende i segreti della cybersicurezza. Una iniziativa che rientra nel piano quinquennale Ambizione Italia #DigitalRestart in cui la multinazionale Usa sta investendo 1,5 miliardi di dollari nell’arco di un quinquennio. Secondo i dati dell’Osservatorio Cybersecurity & Data Protection del Politecnico di Milano, nel 2020 il 40% delle imprese ha assistito a un aumento degli attacchi informatici. “Microsoft sostiene sul fronte sicurezza oltre 400mila aziende clienti in 120 Paesi, che spaziano dalle Pmi alle grandi società, con 90 organizzazioni delle Fortune 100 che utilizzando almeno 4 soluzioni di security, compliance, identity e management di Microsoft” ricorda Carlo Mauceli National digital officer della filiale italiana.

Social, YouTube oscura il canale Byoblu. YouTube ha deciso di chiudere il canale di Byoblu, il videoblog di Claudio Messora che nel corso degli anni si è trasformato in una vera e propria tv. Byoblu è stato messo offline dopo un avviso e tre avvertimenti lanciati dall’algoritmo che stabilisce se la policy del social è stata violata o meno. Nel mirino sono finiti dei servizi riguardanti il coronavirus, e le manifestazioni contro i lockdown. Per questo motivo la testata, che aveva circa 600mila follower, è stata oscurata dalla piattaforma per “disinformazione nell’ ambito medico”.

Facebook censura anche la voce di Donald Trump. La piattaforma blocca un video pubblicato sul profilo della nuora, Lara Trump, in cui lei stessa intervista l’ex presidente. In seguito al post la moglie di Eric, nonché commentatrice per Fox News, ha ricevuto una email da Facebook nella quale si specificava che, a causa del blocco degli account Facebook e Instagram di Trump, qualsiasi contenuto pubblicato anche solo con la sua voce sarebbe stato rimosso.

La depressione da social: l’erba del vicino è sempre più verde. Alcune ricerche dimostrano come i social possano stimolare nell’osservatore una flessione dell’umore, o per meglio dire, una vera e propria “depressione da social”. Per alcuni, la vita altrui espressa sui social è persino invidiabile, soprattutto per quelle persone che tendono a confrontare il valore di sé con quello che fanno gli altri e che vedono in questi profili una “completezza” che a loro manca. In alcuni casi, questa differenza percepita, può suscitare rabbia, invidia, calo dell’autostima e in alcuni casi, specie nelle persone fragili, stati depressivi.

Anche Spotify copia Clubhouse, punta sui ‘live audio’. L’implementazione potrebbe avvenire grazie all’acquisizione di Betty Labs, la società che ha sviluppato Locker Room, un’app che permette agli appassionati e agli esperti di parlare in tempo reale di sport. Spotify vede l’opzione audio dal vivo come ideale per i tutti i creator che desiderano entrare in contatto con il pubblico in tempo reale, sia per presentare in anteprima un disco, sia per una esibizione o per ospitare una sessione di domande e risposte.

Un film nato su Twitter. È stato pubblicato questa settimana il trailer di Zola, film tratto da un thread di Twitter diventato virale nel 2015 e scritto da Aziah Wells, che allora lavorava come cameriera a Detroit.