Chi Siamo

Servizi

Executive Reputation

Consulenza

Strumenti

News

Contatti

Reputation Manager?>

Notizie in pillole sul digitale

Le storie di Twitter sono arrivate in Italia: si chiamano Fleets e scompaiono in 24 ore

Accordo tra Tim, Google e Intesa. Le tre realtà – scrive il Sole 24 Ore – hanno siglato un “memorandum of understanding” con cui l’istituto bancario punta ad accelerare la propria digitalizzazione per fornire servizi sempre più innovativi a famiglie e imprese. Il tutto facendo leva sul tandem di lavoro Tim-­Google, da fine del 2019 impegnati in una partnership strategica sui servizi cloud ed edge computing.

Metà dei dipendenti di Facebook potrebbe lavorare da remoto entro il 2030. Lo afferma Mark Zuckerberg precisando comunque che non si tratta né di un “target” né di un “obiettivo”.

Le storie di Twitter, i Fleets, arrivano in Italia. Da oggi tutti gli utenti italiani potranno creare dei contenuti che si elimineranno da soli dopo 24 ore dalla loro pubblicazione. Zero interazione o ricondivisioni pubbliche ma solo risposte in privato tramite Direct Message. Inoltre, da ieri, alcuni utenti hanno la possibilità di scegliere chi può rispondere ai propri tweet.

Conservazione dei documenti digitali, il Garante della privacy chiede tutele. Per garantire la tutela dei dati delle persone, l’Agenzia per l’Italia digitale «dovrà stabilire regole più precise per fare in modo che i soggetti che si occupano di conservazione dei documenti informatici rispettino a pieno la normativa sulla protezione dei dati personali, nel caso in cui la fornitura del servizio offerto a PA e a privati venga a cessare». Questa la richiesta del Garante della privacy in relazione alla bozza di “Linee guida per la stesura del piano di cessazione del servizio di conservazione”, predisposte dall’Agenzia per l’Italia digitale nell’ambito dell’attuazione del Codice per l’Amministrazione Digitale (Cad).

I 40 anni di Pac-Man. Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la prima fetta, fu un grande successo della scuola giapponese dopo Space INvaders. «Volevo fare qualcosa di diverso dalle battaglie spaziali», racconta il suo creatore.