Chi Siamo

Servizi

Executive Reputation

Consulenza

Strumenti

News

Contatti

Reputation Manager?>

Notizie in pillole sul digitale

La Spagna vorrebbe tassare WhatsApp e Telegram

Apre un sms e gli hacker lo derubano di 55 mila euro. È successo a Sassari: due hacker sono riusciti a recuperare i dati personali e le coordinate bancarie di un uomo, sottraendo 55 mila euro dal suo conto corrente.

«Italiani schedati in Cina? È preoccupante».  La società cinese Zhenhua, come raccontato dal Foglio, ha schedato 4.544 italiani: politici, imprenditori e criminali. «È un elemento di preoccupazione. Ma il tema non è tanto l’acquisizione dei dati attraverso fonti aperte.  Il problema è la targetizzazione, la profilazione» ha dichiarato il ministro della Difesa Lorenzo Guerini. Intanto, il presidente della Commissione Esteri alla Camera, Piero Fassino, ha chiesto un’audizione all’ambasciatore cinese.

Apple punta su Watch e servizi. Con la presentazione dei nuovi iPhone rimandata a ottobre, come anticipato nella presentazione dei conti semestrali, il protagonista dell’evento di ieri in casa Apple è stato Watch, che nella sesta generazione introduce il monitoraggio dell’ossigenazione del sangue tramite sensori a infrarossi posti nella parte posteriore insieme a quelli ottici ed elettrici per il monitoraggio delle funzionalità cardiache.

Una grana legale l’ultima minaccia all’affare TikTok. Nonostante sia stata diramata proprio ieri la nota con cui Washington annuncia di fatto l’avvio dell’iter di valutazione per dare il via libera all’operazione Oracle-TikTok, la certezza di un nulla osta definitivo non può infatti prescindere dalla risoluzione dei procedimenti legali ancora pendenti sull’applicazione. Ecco perché gli avvocati di ByteDance stanno facendo pressioni per chiudere in particolare la maxi­-causa creata a partire da oltre 20 class action intentate in California ed Illinois, che accusano il social di aver raccolto impropriamente e poi inviato ai suoi server in Cina i dati di miglia di utenti tramite sistemi di riconoscimento facciale, registrazioni vocali e tecnologie per lo scanning biometrico.

Dai giganti del web 42 milioni al Fisco italiano. Le grandi compagnie tech hanno versato nel 2019 in tutto all’Agenzia delle entrate 42 milioni di euro. Il “bottino” dell’erario ­ dopo che l’intervento della procura ha costretto i big hi­-tech a patteggiare arretrati erariali per quasi un miliardo ­ è cresciuto di rispetto agli 11 milioni complessivi raccolti nel 2016.

L’ultima terribile sfida su TikTok. Da qualche settimana su TikTok e altri social furoreggia una sfida indicata dagli hashtag #shoah oppure #holocaust (in Italia #olocausto). I ragazzi vestono pigiami a righe, si applicano la stella gialla, si disegnano le occhiaie o i lividi, si presentano scarmigliati e i migliori interpreti del ruolo di deportato ebreo si misurano col numero di like. L’hashtag #holocaust è stato visualizzato 18,2 milioni di volte, l’hashtag #olocausto più di centomila.

La Spagna vuole tassare Whatsapp. Secondo quanto riportato da Italia Oggi, il governo spagnolo starebbe pensando di richiedere alle società che forniscono servizi di messaggistica istantanea di registrarsi come operatori telefonici. Se le loro entrate superano una soglia minima, saranno tenuti a pagare un canone attualmente applicato agli operatori “tradizionali”.

In arrivo una possibile causa antitrust contro Facebook. La Federal Trade Commission sta indagando sul social da più di un anno per verificare se la società ha danneggiato la concorrenza. La commissione, secondo la stampa internazionale, potrebbe presentare un esposto entro la fine dell’anno.