Chi Siamo

Servizi

Executive Reputation

Consulenza

Strumenti

News

Contatti

Reputation Manager?>

Notizie in pillole sul digitale

Il Garante della Privacy mette nel mirino gli occhiali di Facebook

Il Garante della Privacy mette nel mirino gli occhiali di Facebook. Nello stesso giorno del loro arrivo sul mercato, gli smart glasses di Facebook ed Essilor Luxottica sono finiti sotto lo scrutinio del Garante per la privacy. L’Authority italiana ha chiesto infatti alla Data Protection Commission irlandese di sollecitare il social network “affinché risponda a una serie di quesiti”. In particolare, il Garante per la privacy italiano intende “acquisire elementi ai fini di una valutazione della effettiva corrispondenza del dispositivo alle norme sulla privacy”.

Smartphone & co. in sicurezza. Sempre più spesso i bambini e gli adolescenti utilizzano i mezzi digitali: molti, già giovanissimi, posseggono uno smartphone e navigano sul web. Se da un lato il mondo online è per i più giovani una risorsa positiva per imparare, giocare e rimanere in contatto con gli amici, dall’altro comporta nuovi rischi, che vanno dalla possibilità di imbattersi in contenuti poco appropriati e di essere contattati da malintenzionati. Secondo un’indagine di mUp Research e Norstat risulta che il 37% degli italiani adulti, ha avuto il cellulare in età scolare e, di questi, 563mila lo hanno avuto prima dei 10 anni. Le paure che riguardano maggiormente gli smartphone sono: perderlo (47%), romperlo (42%) o perdere i dati (35%). I genitori, secondo la ricerca, utilizzano sempre di più app per controllare i dispositivi dei figli.

Meno prodotti e più vita reale: la virata genuina degli influencer. Il Sole 24 Ore racconta la storia di Ann Andrews, influencer che ha messo in piedi Techfunic, piattaforma che offre lezioni per piccoli gruppi di studenti dagli 8 ai 15 anni, accompagnati da giovani tutor. “Ci sono bambini che hanno bisogno di più attenzione o semplicemente di imparare meglio in gruppo. Questa è l’istruzione vincente”, ha raccontato su Forbes. Oggi l’impresa conta migliaia gliaia di studenti iscritti e lavora con 147 college indiani, che forniscono una rete di tutor. Ann Andrews è diventata suo malgrado una “genuinfluencer”, definizione che identifica una generazione di testimonial anagraficamente trasversali legati a valori e visioni del mondo di taglio positivo.

Lo streaming ‘salva’ il mercato musicale. La Commissione Digital, Culture, Media and Sport della Camera dei Comuni inglese ha presentato a luglio un report sul mercato della musica in streaming. Le piattaforme che mettono a disposizione i brani, in modalità gratuita o a pagamento, hanno contribuito a salvare l’industria discografica dal collasso provocato dalla pirateria online e anche i numeri più recenti in Italia lo confermano. Secondo il report della Federazione industria musicale italiana, 67 milioni è di quanto sono cresciuti i ricavi da abbonamenti alle piattaforme, con un aumento del 41%, nel primo semestre del 2021 in Italia.

La battaglia della privacy tra Apple e i paladini dell’iPhone inviolabile. Tim Cook, ceo di Apple ha convocato per domani la stampa. Presenterà nuovi modelli dell’iPhone, nuovi Air Pods e nuovi orologi digitali, come fa ogni anno a settembre. Si muoverà su un terreno più rassicurante di quello su cui si era coraggiosamente avventurato appena qualche settimana fa, quando annunciò una leggera modifica della struttura crittografica degli iPhone per raggiungere un obiettivo civico ammirevole: contenere lo sfruttamento digitale della pornografia infantile e dei minori. L’azienda di Tim Cook ha messo a punto un metodo per intercettare le sequenze di fotografie sospette di abusi nei confronti dei minorenni, ma per gli attivisti e anche per alcuni scienziati è solo il cavallo di Troia per aggredire la protezione dei dati privati. Il gruppo di Cupertino è in grado di tradurre le foto in una sorta di “impronta digitale” da usare per i controlli sui telefonini di ragazzi e adulti ed esclude la possibilità di errori e ingerenze esterne.