Chi Siamo

Servizi

Executive Reputation

Consulenza

Strumenti

News

Contatti

Reputation Manager?>

Notizie in pillole sul digitale

Giornata dello stupro: la fake news su TikTok

Il calcio inglese boicotta i social. Per dire no al razzismo sui social network, il mondo del calcio professionistico inglese si unirà per la prima volta in un boicottaggio dei social media della durata di quattro giorni. L’obiettivo è protestare contro i continui abusi e insulti razzisti rivolti ai giocatori. Si parte alle 3 del pomeriggio del 30 aprile e si andrà avanti fino alla mezzanotte di lunedì 3 maggio ora locale.

Come la fiducia cambia con la pandemia. Il Trust Index, che dal 2016 oscillava tra l’80% e l’82%, balza in un solo anno all’85,79%. Quindi, l’86% circa dei collaboratori delle organizzazioni coinvolte nella rilevazione si fida dei propri leader, collabora efficacemente con i propri colleghi ed è orgoglioso di come la propria organizzazione abbia affrontato la pandemia. La vera notizia però è che, per la prima volta negli ultimi dieci anni, Fiducia e Fatturato non vanno a braccetto. Ad un aumento della fiducia nei leader e nell’organizzazione non corrisponde un aumento delle performance finanziarie.

Microsoft il sito più falsificato da chi ruba dati col phishing. Secondo i dati dell’Internet Crime Report della Fbi il numero di casi è letteralmente esploso nel 2020, sulle ali dello smart working e dell’utilizzo sempre più esteso dei servizi online: in un solo anno si sono registrate più di 241mila vittime di phishing, oltre il doppio delle 114mila registrate nel 2019, per un danno totale superiore ai 54 milioni di euro. Microsoft In testa ai marchi più ‘imitati’ nelle mail truffa rilevati da CPR nei primi tre mesi del 2021 utilizzato dai 18% phisher nel 39% dei casi. Seguono DHL ­ al 18% ­ e poi Google (9%), Roblox (6%) e Amazon (5%).

Il 5G e i virus più pericolosi creati e diffusi dalla Rete. Secondo l’ultimo rapporto Ital Communications­ Censis, nel nostro Paese più del 3% della popolazione è convinta che le onde elettromagnetiche emesse dalle antenne delle connessioni di nuova generazione interferiscano in qualche modo con il DNA e le cellule umane (le teorie in merito sono le più diverse) dando origine, per ragioni non meglio precisate, al Covid­19.

L’occhio degli ordini professionali sui social. L’ultimo in ordine di tempo è stato il Consiglio nazionale dei commercialisti che ha informato gli iscritti di aver modificato il proprio codice deontologico apportando una modifica all’articolo 39 in tema di utilizzo dei social media da parte degli iscritti. In particolare, i commercialisti dovranno agire con rispetto e considerazione e preservare l’immagine e il decoro della professione, assicurando l’osservanza dei doveri di integrità e comportamento professionale nonché il rispetto dei colleghi e degli organi di categoria.

Prodotti e campagne condivise, avanzano i super consumatori. Sono i clienti che possono fare la differenza collaborando con i brand per ripensare oggetti, servizi e comunicazione, entrando in azienda come protagonisti anche nelle aree di ricerca e sviluppo. Secondo un’analisi dell’Economist affidarsi alla community risolverebbe anche un problema legato a pregiudizi e luoghi comuni, infatti, la maggior parte di prodotti e servizi che vengono adottati sono costruiti con un pregiudizio di base che ne inficia l’efficacia per una grande fetta della popolazione.

Imprese in ritardo sulla maturità digitale: solo una su dieci ce la fa. Secondo un’analisi di Alkemy vi sono tre fasi a seconda del grado di evoluzione digitale. La prima è composta dal 34% del campione: aziende che non hanno iniziato a utilizzare alcun tipo di canale digitale, e se lo fanno agiscono poco e male. La seconda vede l’implementazione del digitale (il 55%) con l’utilizzo corretto di alcuni strumenti, ma senza impatti rilevanti perché mancano integrazioni e visioni di insieme. C’è poi la terza fase (full or integrated digital) dove si annida solo l’11% dei brand d’eccellenza che hanno iniziato veramente l’integrale trasformazione del modello di business.

Spotify compie 15 anni. La scommessa dei fondatori della app svedese, quel 23 aprile del 2006, fu di puntare tutto sullo streaming e sulla doppia formula dell’abbonamento mensile e del gratuito con pubblicità. A fine 2020 ha doppiato Apple Music.

Facebook integra la funzionalità di Clubhouse. Il social network potrebbe introdurre un sistema di retribuzione per chi crea contenuti audio e quindi non puntare solo sulla pubblicità. Per ascoltare qualcuno, insomma, potrà esser necessario fare una “donazione”.

Giornata dello stupro: la fake news su TikTok. Negli ultimi giorni si è diffusa su TikTok la falsa notizia che il 24 aprile sarebbe stato il National rape day, la giornata dello “stupro libero”. Chi ha provato a ricostruire l’origine della notizia l’ha già smascherata come una fake news che, ormai, si è diffusa in modo incontrollato e ha generato molte preoccupazioni.