Chi Siamo

Servizi

Executive Reputation

Consulenza

Strumenti

News

Contatti

Reputation Manager

Notizie in pillole sul digitale

Facebook oscura il video con Salvini al citofono. Il legale del giovane tunisino: «Chiederemo risarcimento danni»

Antivirus accusato di «spionaggio»: Avast nell’occhio del ciclone, scrive Milano Finanza. Secondo un’inchiesta delle riviste specializzate PCMag e Motherboard (Vice), il noto produttore di antivirus avrebbe venduto ad aziende terze i dati dei propri clienti. In particolare, dai documenti consultati dalle riviste, è emerso come Avast trasferisse alla controllata Jumpshot alcuni dati che questa a sua volta rivendeva a pacchetti ad alcuni interlocutori.

Facebook oscura il video con Salvini al citofono, pronta la causa civile. Dopo una settimana, il social ha cancellato il video in cui il leader della Lega citofonava a un 17enne per chiedere spiegazioni circa una presunta attività di spaccio. «Alcune delle decisioni su cosa rimuovere e cosa no sono incredibilmente complesse e sfaccettate. Vogliamo assicurarci di prendere queste decisioni nel modo più corretto impiegando tutto il tempo necessario» ha riferito un portavoce di Facebook. Intanto, l’avvocato del giovane ha annunciato una causa civile: «Porteremo Salvini davanti al tribunale per risarcire il ragazzo dei danni subiti per lesione della privacy, della reputazione, della dignità, dell’onore e della vita familiare».

Apple, 80 milioni di iPhone in 6 mesi. È questo il numero di device che il colosso statunitense ha chiesto ai propri fornitori asiatici. Una richiesta che rischia di non essere soddisfatta: «La velocità di produzione – scrive il quotidiano giapponese Nikkei – potrebbe essere rallentata dal diffondersi del coronavirus nella provincia cinese di Hebei, dove si concentrano i centri manifatturieri di Apple».

Il Regno Unito approva l’ingresso di Huawei nella rete 5G. La decisione del Consiglio di sicurezza è arrivata ieri: il gruppo cinese è stato ammesso alla costruzione della nuova rete 5G con una quota di mercato che non potrà superare il 35%. Gli Stati Uniti si sono detti «delusi dalla decisione».