Chi Siamo

Servizi

Executive Reputation

Consulenza

Strumenti

News

Contatti

Reputation Manager?>

Notizie in pillole sul digitale

Facebook bloccherà QAnon dalle proprie piattaforme

Facebook bloccherà QAnon dalle proprie piattaforme. Il social ha ampliato un precedente ban imposto ad alcuni gruppi collegati alla teoria del complotto QAnon che avevano “discusso di potenziali violenze”. Nel tentativo di “pulire” i propri social da contenuti dannosi, Facebook oscurerà non solo i contenuti violenti, ma anche pagine, gruppi e account Instagram legati al movimento.

Si fingeva ragazzina su WhatsApp: pedofilo condannato. È la più alta condanna di un pedofilo: 19 anni in primo grado inflitti dal Tribunale di Lodi a un imputato d’aver adescato su WhatsApp e abusato tre ragazzine a Codogno.

Facebook sfida la Turchia, scrive il Financial Times. Il social ha deciso di “sfidare” la legge turca che impone alle aziende social di stabilire una sede formale nel paese. Secondo il FT, è il primo passo della resa dei conti con il governo di Recep Tayyip Erdogan, che potrebbe culminare con il blocco della piattaforma in Turchia.

La battaglia legale tra Google e Oracle arriva alla Corte suprema. È quasi arrivata al capolinea la disputa legale che vede protagonisti i due colossi tecnologici, con Oracle che chiede un risarcimento da 9 miliardi di dollari per l’utilizzo illegale dei propri software. La sconfitta di Google – scrive oggi il Financial Times – sarebbe un evento capace di impattare sull’intero settore, aumentando a dismisura il potere delle compagnie che controllano le tecnologie più diffuse e mettendo a dura prova gli aspiranti sfidanti.

Twitter oscura Trump e i post che gli augurano la morte. «Covid meno letale dell’influenza»: questo il messaggio di Donald Trump che prima Facebook e poi Twitter hanno oscurato perché viola le regole dei social in tema di informazione sul Covid-19. Intanto, la piattaforma di micro blogging ha fatto sapere che oscurerà anche tutti i tweet che augurano la morte al Presidente Usa.