Chi Siamo

Servizi

Executive Reputation

Consulenza

Strumenti

News

Contatti

Reputation Manager?>

Notizie in pillole sul digitale

È possibile violare la privacy per far fronte a un’emergenza sanitaria? La risposta del Garante

È possibile violare la privacy per far fronte a un’emergenza sanitaria? Il Garante della privacy Antonello Soro su La Stampa: «Si può derogare alla privacy, a patto che sia un’operazione mirata, finalizzata alla salute pubblica, con una regia definita e paletti temporali ben precisi». Intanto la Ministra dell’Innovazione Paola Pisano conferma: anche l’Italia avrà la sua app contro il Coronavirus.

Picco negli attacchi informatici: cresce il “pizzo 4.0”. Gruppi di hacker si infilano nei computer di un’azienda e, minacciando la diffusione di dati o di bloccare l’attività, chiedono un riscatto. Un pagamento in bitcoin, non tracciabile. Nelle ultime settimane, le richieste di consulenza per cyber security sono infatti salite del +60%.

I top manager delle società quotate negli Stati Uniti hanno venduto un controvalore di circa 9,2 miliardi di dollari in azioni delle proprie società tra l’inizio di febbraio e la fine della scorsa settimana. Lo segnala un’analisi del Wall Street Journal: la vendita ha permesso ai dirigenti di evitare perdite potenziali per un totale di 1,9 miliardi di dollari a causa del crollo dell’indice di borsa.

Amazon ha iniziato a studiare il dossier relativo ai diritti tv della Seria A di calcio. Lo riporta oggi Milano Finanza: il colosso dell’e-commerce, dopo l’esperimento della Premier League, sarebbe pronto a fare un’offerta per i diritti delle stagioni 2021-2024.

In prima linea a gestire l’emergenza sanitaria: sono i sindaci 2.0, diventati nuove icone grazie alle loro dirette Facebook improvvisate. Una pattuglia di primi cittadini che ha richiamato anche l’attenzione del New York Times (e non solo…): il Corriere in edicola racconta le loro storie e l’impegno per convincere i propri concittadini a restare a casa.