Chi Siamo

Servizi

Executive Reputation

Consulenza

Strumenti

News

Contatti

Reputation Manager?>

Notizie in pillole sul digitale

Dietrofront Whatsapp, non limiterà chi non accetta privacy

L’importanza della cybersecurity. Dallo scoppio della pandemia, il phishing (truffa informatica per estorcere con l’inganno all’utente informazioni personali) è cresciuto del 6.000%. Secondo un’indagine di Minsait, il 90% delle imprese non ha specialisti in sicurezza informatica e solo il 22% ha implementato una gestione centralizzata dell’identità digitale. I settori più attrezzati nell’affrontare le minacce derivanti dagli attacchi informatici sono quelli delle telecomunicazioni, delle banche, delle assicurazioni e dell’energia, che stanno investendo di più nella cybersecurity.

Video su Ryanair: “Voglio i danni”. Denunciata dalla polizia di frontiera la giovane che sul volo Ibiza-Bergamo mercoledì scorso ha dato in escandescenze sputando, insultando e tirando calci contro diversi passeggeri. Rischiava anche l’arresto e la richiesta di risarcimento danni per decine di migliaia di euro se il comandante avesse deciso di dirottare l’aereo per farla scendere. La giovane, invece, su Instagram ha minacciato di denunciare chi ha condiviso sui social i video con l’intera sequenza.

Meno news, occhi sui viaggi. Secondo gli ultimi dati di Comscore, l’informazione online si va normalizzando, in termini di audience e di tempo, ma i navigatori ci trascorrono meno tempo: ­-9% sul mese precedente, ­-17% sull’aprile 2020. News a parte, ci sono categorie che si stanno riprendendo dopo un anno di cali. È il caso dei siti di viaggi cresciuti del 4% su marzo e del 5% su aprile del 2020, ma con un tempo speso aumentato del 41% e raddoppiato (+96%) rispettivamente nei due periodi. Allo stesso modo sono in progresso i siti di informazione sportiva: +214% sul tempo e +8% sull’audience anno su anno. L’audience dei siti di auto, infine, è a +30% sull’aprile del 2020

Dietrofront Whatsapp, non limiterà chi non accetta privacy. «Date le recenti discussioni con varie autorità ed esperti di privacy, vogliamo chiarire che attualmente non abbiamo in programma di limitare la funzionalità per coloro che non hanno ancora accettato l’aggiornamento. Continueremo invece a ricordare agli utenti di volta in volta le novità dell’aggiornamento», ha spiegato la società al sito TheNextWeb. WhatsApp ha anche affermato che non prevede di trasformare il promemoria sull’aggiornamento delle regole privacy facendolo diventare persistente, come annunciato inizialmente. Il dietrofront potrebbe essere generato da un malcontento degli utenti che aveva provocato un travaso nelle chat concorrenti come Telegram e Signal.

Green pass: esperti, ‘valutazione impatto su sanità e diritti’. L’attenzione è sulla necessità di un supporto infrastrutturale e amministrativo che garantisca l’autenticità del certificato tenendo conto che “molti sistemi sanitari pubblici in Europa non sono completamente digitalizzati”. Inoltre, aggiungono gli esperti, il green pass fungerà da potente mezzo di accesso nei posti, non solo quelli pubblici, creando così una “crescente interdipendenza tra partner privati, governi e il pubblico, che va tenuta sotto controllo” e che “introduce nuove forme di polizia nella vita di tutti i giorni”.