Chi Siamo

Servizi

Executive Reputation

Consulenza

Strumenti

News

Contatti

Reputation Manager?>

Notizie in pillole sul digitale

Condannata la blogger che raccontò l’epidemia Covid19 a Wuhan

Condannata la blogger che raccontò Wuhan. È stata condannata in Cina a quattro anni di prigione la blogger Zhang Zhan che aveva raccontato con articoli, foto e video la prima fase della diffusione del coronavirus nell’epicentro di Wuhan. Per la giustizia cinese Zhang Zhan, 37 anni, è «colpevole di aver pubblicato informazioni false» che hanno provocato «disordini».

Alibaba sotto attacco in Borsa. Il colosso cinese dell’e-commerce Alibaba ha guidato un sell­-off dei big del listino tech cinese innescato dai timori di rilievi e nuove misure da parte dell’antitrust e della banca centrale. Alibaba e rivali come Tencent, il gigante del food delivery Meituan e JD. com, hanno perso qualcosa come 200 miliardi di dollari nelle sedute da giovedì.

Facebook chiude le holding irlandesi. Facebook sta chiudendo le tre holding irlandesi dove usufruiva di un regime fiscale agevolato evitando di pagare tasse più pesanti in Usa e in numerosi altri Paesi. La notizia, riferita dal Times e dal Guardian, è stata confermata da Facebook in una nota.

Agcom, l’e-­commerce supera la tv. Il complesso dei fatturati delle società che operano nelle comunicazioni elettroniche, servizi postali, editoria quotidiana e periodica, televisione, operatori di rete e tower company è stato pari a 51,9 miliardi, in flessione del 2,1% su base annua. I dati emergono dal focus sui bilanci 2015­-2019 delle principali imprese che operano nei mercati di competenza dell’authority. Da evidenziare come lo scorso anno si sia registrato il sorpasso dei servizi postali (trainati dall’e-­commerce) nei confronti del settore televisivo (17,5% contro il 16,6%).

Continua la corsa del bitcoin. La criptovaluta sfonda anche quota 28.000 dollari, volando fino a 28.365 dollari prima di ripiegare. Dall’inizio dell’anno ha guadagnato il 270%.

Causa di diffamazione contro Twitter. John Paul Mac Isaac, titolare del negozio di informatica di Wilmington, nel Delaware da cui ha avuto origine lo scandalo delle email di Hunter Biden – figlio del presidente eletto Usa Joe Biden – ha intentato causa per diffamazione contro Twitter, chiedendo un risarcimento di 500 milioni di dollari. Il titolare del negozio accusa Twitter di averlo falsamente bollato come un hacker